“Votiamo su come votare”… Il Pd in preda alle convulsioni di un’Assemblea nazionale che non decide nulla, neppure i rapporti di forza interni

  1. Cronaca di un’Assemblea nazionale. Una bolgia tra contestazioni e sfottò
Ettore Maria Colombo – ROMA
Matteo Renzi sorride e rimette nella tasca i foglietti di una relazione che, se avesse letto, sarebbe stata “incendiaria” e tutta incentrata sulla denuncia di “una classe dirigente (quella del Pd, ndr.) irresponsabile che vuole trascinare il Pd nella guerra del fango proprio nei giorni in cui nasce il governo M5S-Lega”. Poi ascolta la relazione del segretario reggente, Martina, che lo attacca pesantemente, pur senza citarlo, finge un applauso di cortesia, si alza e se ne va. Lo scontro è stato solo rimandato di un mese o più. L’Assemblea nazionale che si è tenuta ieri all’hotel Ergife non ha, infatti, sciolto nessun nodo dentro il Pd. Ha solo congelato tutte le decisioni, rinviandole alla prossima Assemblea, ma già su quando tenerla è scontro: Martina vuole rinviarla almeno fino a ottobre, i renziani indicano il “30 giugno, 7 luglio al massimo”. Ieri è stata siglata una tregua fragile e ipocrita. Dei due fronti in guerra si sa: Renzi e i renziani da un lato, l’asse che fa perno su Martina, spalleggiato dalle due minoranze (Orlando ed Emiliano) e da un pezzo di ex maggioranza (l’area Franceschini-Fassino), dall’altro. La giornata sembra non iniziare mai. Convocati per le dieci, si accreditano in 829 delegati su 1168 aventi diritto, ma Orfini apre le danze solo a mezzogiorno. Per ore si è cercata una mediazione. I ‘martiniani’ sono sicuri: “Renzi non controlla più il Pd”. I renziani sventolano 398 firme (poi lievitate fino a 432) pronte a chiedere la convocazione immediata del congresso. Si prospetta una conta sanguinosa. Fassino per conto di Martina e Guerini – che ci ha lavorato per giorni – per Renzi cercano e trovano una faticosa mediazione, spalleggiati da Gentiloni e Minniti. La proposta che Orfini annuncia, aprendo i lavori, è di “mettere in votazione l’inversione dell’ordine dei lavori”, ma come in un’assemblea universitaria degli anni ’70 partono i cori di “buuu”. C’è molta insoddisfazione nella base e poi c’è laclaque portata dal Pd di Roma, in mano agli orlandiani, scatenata e fastidiosa, con la Cirinnà e Damiano che li capeggiano come veri capiultras. Alla fine, si vota: finisce con 397 a favore del rinvio e 221 contrari (più 6 astenuti) su un totale di 624 votanti. Le aree di Renzi e Martina-Franceschini stanno ai patti, le minoranze no, ma anche dei renziani votano contro.
Dopo, sembra calare la quiete e iniziano gli interventi. Martina, nella sua relazione, ci va giù pesante: “Se tocca a me, anche per poco, tocca a me”; “rinnoverò gli organi dirigenti”; “no a Lega-M5S ma anche no a FI”; poi attacca gli “errori nella formazione delle liste”; disegna, come faranno Orlando e Boccia, un partito ‘altro’ da quello di Renzi, dalle alleanze alle primarie. La claque esplode di felicità, i renziani strabuzzano gli occhi: “Gli accordi non erano questi”, sibilano. Intanto i big (Renzi, Gentiloni, i ministri) e molti delegati se ne sono andati, stufi e cupi, dentro il clima resta da stadio. I renziani meditano vendetta: votare contro la relazione di Martina o boicottarla, anche se dal palco c’è chi, come Marcucci, dice che la voterà. La relazione di Martina prende 294 sì, 8 astenuti, zero contrari, ma su un totale di 302 votanti, ben sotto il numero legale. Per i martiniani “Renzi da oggi à minoranza nel Pd”, i renziani dicono di avere con sé la forza dei numeri. Lo scontro interno è appena iniziato, presto deflagrerà. A meno che, in extremis, Renzi non si accordi con Nicola Zingaretti, governatore del Lazio, per un “patto tra diversi” che comporti un’ennesima tregua, questa volta finale e definitiva, se e quando Zingaretti non si deciderà a correre per le primarie del Pd, appoggiato dalla minoranza di Orlando, non in antitesi a Renzi, ma appunto in accordo con lui e i suoi. 
NB: Questo articolo è stato pubblicato il 20 maggio sul Quotidiano Nazionale

2. La mediazione infinita. Le correnti del Pd cercano di mettersi d’accordo tra loro. 

Ettore Maria Colombo – ROMA
Hanno trattato tutto il giorno, giocando a braccio di ferro, i due fronti contrapposti presenti, ormai da mesi, nel Pd (i renziani e gli anti-renziani), ma a ieri sera era quasi certa una spaccatura che, se oggi si materializzasse, sarebbe a dir poco drammatica. Questa mattina, infatti, si aprirà l’Assemblea nazionale dem, suo massimo organo rappresentativo.  In ballo c’è la riconferma del segretario reggente dal giorno delle dimissioni di Renzi, Maurizio Martina, alla carica di segretario effettivo, anche se pro tempore. Ma è proprio sulla durata o sulla proroga dell’incarico di Martina che si è consumata la rottura.  Eppure, lo stesso Matteo Renzi ha proposto di tutto al fronte dei suoi ‘nemici’ interni, l’asse che vede pezzi della sua ex maggioranza (Franceschini, Fassino, etc.) saldato alle minoranze interne (le due aree di Emiliano e Orlando).
I  big (Franceschini, Cuperlo, Zanda, Fassino, Orlando)  ieri mattina si sono riuniti per fare il punto della situazione con Martina. Renzi ha chiesto loro – tramite i suoi ambasciatori più duttili e diplomatici, Graziano Delrio e Lorenzo Guerini – di «evitare la conta» che «sarebbe incomprensibile proprio mentre i nostri avversari, Lega e M5S, fanno votare il loro programma  dalla base. Fuori ci prenderebbero per matti».
Renzi si è anche detto pronto, come segno di pace,  a rinunciare al suo discorso iniziale, che gli spetta in quanto segretario uscente, per dedicare la giornata all’analisi del voto e alla situazione politica, lasciando che sia il solo Martina a tenere la relazione introduttiva. Relazione che, a questo punto, Renzi terrà e dove andrà giù «con l’accetta», dicono i suoi, stupiti per «l’impuntatura di Martina». Il quale, però, per Renzi sarebbe potuto restare segretario solo fino a un’altra assemblea da tenersi a giugno, non oltre, tipo ottobre.
Ed è qui che si è rotta la trattativa: per Renzi il congresso (e le primarie) le devono gestire gli organi preposti, cioè il presidente del partito (Orfini) e la commissione congressuale, il fronte dei ‘martiniani’ vuole che a farlo sia Martina. Insomma, Renzi ha proposto una frenata sui tempi del congresso, Martina  chiede invece una piena legittimazione politica del suo ruolo e una segreteria più lunga. Il braccio di ferro è andato avanti fino a sera, registrando l’incaponirsi di Martina e dei più duri tra i suoi (Orlando e Cuperlo) al rifiuto di ogni ramoscello di pace. I contatti proseguiranno fino all’ultimo, notte compresa, ma se salta l’ultimo tentativo di mediazione oggi il Pd andrà al voto per eleggere un nuovo segretario con più candidati contrapposti (per Renzi scenderebbe in campo Guerini) e lì varrà solo la forza dei numeri. i renziani sono convinti di avere la maggioranza (quasi 500 delegati su mille), Martina spera di farcela, magari per il rotto della cuffia.
NB: Questo articolo è stato pubblicato il 19 maggio sul Quotidiano Nazionale